WWW.FPCGILBAT.IT
SEGUITE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK CLICCANDO "MI PIACE"

Lunedì 16 Gennaio 2012 19:33 Giustizia - Ministero della Giustizia
Stampa PDF
Condividi

logofp     SOPPRESSI IN PUGLIA 57 UFFICI DEL GIUDICE DI PACE

Addio alla giustizia di prossimità

(La Segretaria regionale FP CGIL P. Tomaselli. Il Coord. regionale Giustizia M. Marcone)

 

In Puglia, in seguito all’approvazione dello schema di decreto legislativo da parte dal Consiglio dei Ministri, rimarranno aperti solo gli Uffici del Giudice di pace di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Lucera, Taranto e Trani.

Con un colpo di spugna vengono eliminati ben 57 Uffici giudiziari, senza alcuna considerazione per le esigenze dei territori, dell’utenza, dei lavoratori, ignorando persino la carenza di immobili da adibire ad uffici giudiziari di cui soffrono le sedi accorpanti.

Inoltre circa 220 lavoratori saranno costretti alla mobilità forzata nella nostra regione, con spostamenti a volte di centinaia di chilometri giornalieri per raggiungere le nuove sedi. Ai lavoratori suddetti non spetterà alcuna indennità di trasferimento e, pertanto, il loro stipendio sarà decurtato pesantemente a causa  delle spese di viaggio che dovranno sostenere.

Dipendenti che saranno destinati per il 50% nelle sedi degli Uffici del Giudice di Pace accorpanti e per il restante 50% andranno a rimpinguare le ataviche carenze organiche degli Uffici di Procura e di Tribunale.

La Funzione Pubblica Cgil nazionale ha più volte chiesto al Ministero l’apertura di un tavolo di discussione in proposito e inoltre ha presentato istanza di  audizione in Commissione Giustizia della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica sulla proposta di revisione delle circoscrizioni giudiziarie ma ad oggi non abbiamo avuto alcuna risposta.

Dopo gli Uffici dei giudici di pace, toccherà ai Tribunali e alle sezioni distaccate subire la mannaia degliaccorpamenti, tramite decreto.

A fronte di questi provvedimenti selvaggi e indifferenti che passano sulla testa dei lavoratori, la FP CGIL, in tutte le sue articolazioni territoriali, metterà a disposizione dei lavoratori coinvolti in questa “razionalizzazione” i propri legali, affinché i diritti dei lavoratori vengano tutelati.

Ancora una volta, come sempre, la CGIL è l’unico sindacato a difendere i diritti dei lavoratori pubblici.

Uno dei motivi fondamentali  per sostenere le liste della FP CGIL negli Uffici giudiziari, affinché la RSU continui a farsi portavoce di tutti i lavoratori, per il recupero e il riconoscimento di quella dignità e professionalità che gli addetti alla Giustizia continuano responsabilmente ad esercitare nel quotidiano, malgrado le gravi decurtazioni di risorse umane ed economiche subite in questi anni e la penalizzazione di un contratto integrativo, le cui ricadute devastanti continuano a produrre danni.

Bari, 16 gennaio 2011



 

 SEGRETERIA REGIONALE

 

 

 

Via Vincenzo Calace, 4 - 70123 BARI

 

(  080/5736218   -   Fax  080/5791126

 

*    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
You are here:   HomeFUNZIONI CENTRALISTATO E MINISTERIGIUSTIZIASOPPRESSI 57 UFFICI GIUDICE DI PACE
| + -
cgil.it
radio articolo 1
cgil sistema servizi
ediesse